Sviluppo e Applicazioni di Materiali e Processi Innovativi per la Diagnostica e il Restauro di Beni Culturali (DELIAS)

Sviluppo e Applicazioni di Materiali e Processi Innovativi per la Diagnostica e il Restauro di Beni Culturali (DELIAS)

Progetto PON Ricerca e competitività 2007-2013 Distretto di Alta Tecnologia per l’Innovazione nel Settore dei Beni Culturali della Regione Sicilia (DTBC) Sviluppo e Applicazioni di Materiali e Processi Innovativi per la Diagnostica e il Restauro di Beni Culturali (DELIAS) Codice PON03PE_00214_2 CUP: B92F14000070008 Contributo pubblico: 181.250,00 euro Descrizione del progetto Titolo del progetto: Sviluppo e Applicazioni di Materiali e Processi Innovativi per la Diagnostica e il Restauro di Beni Culturali (DELIAS)
  • Titolo del progetto in lingua inglese: Development and application of innovative materials and processes for the diagnosis and restoration of Cultural Heritage
Soggetti proponenti: Università degli Studi di Palermo, Università degli Studi di Catania CONSIGLIO NAZIONALE DELLE RICERCHE (CNR) - Dipartimento Scienze Chimiche e Tecnologie dei Materiali  - SYREMONT S.p.A. Consorzio Interuniversitario per lo Sviluppo dei Sistemi a Grande Interfase CSGI-  Cons. Ric. per Sviluppo Piattaf. Innov. Settore delleTecnologie Biomediche Cons. PITecnoBio - COIRICH Italian Research Infrastructure for Cultural Heritage S.C.A.R.L. - Consorzio Interuniversitario Nazionale per la Scienza e Tecnologia dei Materiali – INSTM - Sidercem S. r. l.

Obiettivi

L’obiettivo del progetto è la messa a sistema delle competenze diversificate e delle strutture dei soggetti attuatori al fine di: - Mettere a punto materiali e processi innovativi per interventi conservativi e/o di restauro su manufatti di varia natura. - Mettere a punto nuova strumentazione e nuove metodiche diagnostiche al fine di ricavare informazioni chimico-fisiche e strutturali sui materiali costituenti il bene storico-artistico al fine di un’opportuna scelta dei materiali usati nelle successive fasi di restauro. - Sviluppare competenze ai fini della certificazione dei materiali e delle metodiche analitiche. - Sviluppare strumentazioni integrate per l’individuazione e il monitoraggio dei siti archeologici subacquei. Il progetto è articolato in quattro obiettivi realizzativi (OR) che svolgeranno attività tra di loro interconnesse: OR1: Sviluppo ed assessment di tecniche di restauro a base di materiali innovativi OR2: Diagnostica chimico-fisica e strutturale OR3: Sviluppo di competenze per un laboratorio di certificazione per i Beni Culturali OR4: Ritrovamento e monitoraggio del patrimonio sommerso Le attività del progetto costituiranno un notevole avanzamento rispetto allo stato dell’arte del settore di riferimento. I risultati attesi in termini di innovazione dei processi sono: - Lo sviluppo di metodiche diagnostiche innovative per indagini chimico-fisiche, strutturali per analisi di manufatti indoor e outdoor e per l’individuazione, la prospezione ed il monitoraggio di aree di interesse archeologico sommerse. - La definizione di corretti protocolli di intervento e sviluppo di competenze per la loro validazione. - Lo sviluppo di nuova strumentazione. Inoltre, saranno definite formulazioni innovative messe a punto per l’intervento su specifici manufatti d’arte. Questi risultati permetteranno un avanzamento del know-how nel campo dei Beni Culturali che può riflettersi positivamente nel contesto produttivo del settore, infatti, la piattaforma realizzata costituirà un punto di riferimento per gli operatori nel campo della diagnostica e della conservazione. Inoltre, la possibilità di spin-off nonché l’erogazione di servizi può contribuire alla creazione di occupazione altamente qualificata.
Tra i prodotti previsti vi sono diciassette dimostratori che agevoleranno la verifica del raggiungimento degli obiettivi. Inoltre, la stesura di proposte di normativa che regolamenti gli interventi diagnostici e di conservazione/restauro oltre ad azioni di technology transfer e di ricerca e sviluppo di eccellenza, costituiranno ulteriori parametri quantitativi ai fini della valutazione dell’efficacia attuativa del presente progetto.

Commenti chiusi.